Il mistero dell'inquisitore Eymerich

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il mistero dell'inquisitore Eymerich

Messaggio Da ospitaliere il Ven Gen 15, 2010 10:38 am

Titolo: Il mistero dell'inquisitore Eymerich

Nome Saga/Ciclo di cui fa parte: Ciclo di Eymerich

Autore: Valerio Evangelisti

Anno di prima pubblicazione: ?

Pagine: 322

Editore: Mondadori

Collana di pubblicazione dell’editore: Piccola Biblioteca Oscar a 8,80 euro nel 2003.


Recensione/Riassunto:
1354: Nicolas Eymerich, il sinistro inquisitore, è in Sardegna con re Pietro IV d'Aragona per soffocare la rivolta di Mariano, giudice d'Arborea. Mariano però ha un alleato potente e misterioso: lo chiamano Sardus Pater, una divinità sconosciuta e terribile...
1942, New York: lo psicologo austriaco Wilhelm Reich si è rifugiato in America per sfuggire ai nazisti e ha fatto una scoperta rivoluzionaria. Tanto da costringere le autorità a rinchiuderlo in prigione, dove una serie di inspiegabili allucinazioni sembra metterlo in collegamento proprio con Eymerich.
Pubblicato per la prima volta nel 1996 nella storica collana "Urania", un romanzo che segna una delle tappe fondamentali nella saga dell'inquisitore Eymerich, protagonista di libri ormai diventati di culto, a metà tra fantascienza e il noir

Sebbene Eymerich sia un personaggio negativo, fanatico e intollerante nei primi tre libri si scontra con dei nemici che sono ben peggiori di lui, dei veri pazzi colpiti da megalomania: un frate che vuole riportare gli dei a a camminare tra i viventi, un uomo che vuole corrompere il sangue di tutta l'Europa sognando l'estinzione della razza umana e una congrega di eretici che custodisce il segreto dell'immortalità. Eymerch è un male necessario, un autoproclamato baluardo tra l'uomo e ciò che sfida la comprensione umana.

Ora questa volta invece Eymerch si trova contro uno gruppo di guaritori sardi che sono in grado di curare ogni male, e cosa c'è di sbagliato in tutto questo? Perchè reprimere

Eppure al Sardegna è un luogo brulicante di troppa vita in cui bisogna stare distanti da fiumi e ruscelli nell'ora Feridra... è il futuro il luogo dove chi tenterà di recuperare le misteriose energie sradicate da Eymerch farà la conoscenza con Tanit.

Una interessante riflessione sia sull'intolleranza a priori, sia sul desiderio moderno di ottenere tutto, a volte senza ponderare bene le conseguenze.

avatar
ospitaliere
Vedova

Messaggi : 364
Data d'iscrizione : 11.01.10
Età : 46
Località : forlì,città di caterina sforza

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum